Accertamento Invalidità civile, handicap, disabilità per collocamento mirato al lavoro, cecità civile, sordo civile, sordo-cecità.

 

Domanda e certificazione medica

Il cittadino che intende presentare domanda per il riconoscimento dell'Invalidità Civile, dell'Handicap (Legge 104/92), della disabilità ai fini dell'inserimento mirato al lavoro (Legge 68/99), della cecità civile, del sordomutismo e della sordo-cecità, deve innanzitutto richiedere il certificato medico al proprio medico curante.

Il certificato, compilato su supporto informatico, va inviato telematicamente all'INPS, mentre al cittadino richiedente, il medico rilascia una copia e l'attestato di trasmissione con riportato un codice che consentirà l'abbinamento del certificato alla domanda.

Il certificato ha validità di 90 giorni;  se la domanda non viene presentata entro tale termine, il certificato scade e occorrerà richiederlo nuovamente

La domanda deve essere inoltrata telematicamente all'INPS attraverso gli enti abilitati (Patronati, ecc) o direttamente dal cittadino previa acquisizione del codice di accesso (PIN), da richiedere tramite internet o telefonicamente al Contact Center dell'INPS.

Il PIN consentirà inoltre di consultare online tutte le "fasi di avanzamento" della  domanda.
Il cittadino potrà inoltre indicare il proprio indirizzo e-mail dove intende ricevere le informazioni che lo riguardano.

 

La visita medica

La visita avviene presso l'ambulatorio della Commissione Medica dell'Azienda Sanitaria Provinciale (ASP).

Alla visita medica l'istante dovrà presentarsi munito di:

  1. valido documento di identità
  2. certificato medico inviato online all'INPS dal proprio medico curante
  3. certificato oculistico in originale nel caso di domanda di accertamento della cecità civile
  4. documentazione sanitaria in originale ed in fotocopia; in assenza di fotocopie la Commissione acquisirà la documentazione in originale

Il verbale di visita redatto dalla Commissione viene inviato telematicamente all'INPS che provvederà alla validazione dello stesso o alla sospensione della procedura, in questo ultimo caso l'INPS provvederà a convocare a visita medica l'istante presso il proprio ambulatorio.

che secondo la nuova procedura dovrà essere integrata da un medico dell'INPS. Al termine  della visita la commissione rilascia un verbale elettronico nel quale viene riportato l'esito della visita stessa.Nel caso l'interessato non si dovesse presentare a visita senza giustificato motivo, la domanda verrà rigettata e occorrerà ripresentarne una nuova.

La visita domiciliare

Nel caso l'istante sia impossibilitato a recarsi a visita presso l'ambulatorio della Commissione a causa delle condizioni di salute talmente gravi da renderlo intrasportabile, la richiesta di visita domiciliare va presentata per via telematica treamite certificato del medico curante.

In caso di accoglimento della richiesta la Commissione, o alcuni componenti della stessa, procederà ad effettuare la visita presso il domicilio dell'istante.

In caso di respingimento della richiesta ne verrà data comunicazione all'istante e contemporaneamente si procederà alla convocazione a visita ambulatoriale.

prima del giorno fissato per la visita. Nel caso di accoglimento della richiesta, la data e l'ora della nuova visita saranno comunicate sempre attraverso la procedura informatica.

 

Tipologie di accertamento

 

Invalido Civile

soggetto di qualsiasi età che a causa di infermità (fisica o psichica, congenita o acquisita), abbia una riduzione della capacità lavorativa (se in età lavorativa) o della capacità a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell'età (se minore o ultrasessantacinquenne). Non possono essere valutate infermità che diano o abbiano dato diritto ad un'invalidità di lavoro (INAIL), di guerra o di servizio, o che siano riconosciute come cecità civile o sordomutismo.

(Riferimento normativo: Legge 30/03/1971  n. 118 e succ. modifiche e integrazioni)

Cieco Civile

soggetto di qualsiasi età affetto da cecità totale o con un minimo residuo visivo, con eventuale correzione, in ambo gli occhi non superiore a 1/20, oppure con riduzione del campo visivo perimetrico binoculare inferiore al 10%. Non possono essere valutate infermità che diano o abbiano dato diritto ad un'invalidità di lavoro (INAIL), di guerra o di servizio o civile.

(Riferimento normativo: Legge 27/05/1970 n. 382 e succ. modifiche e integrazioni)

Sordo civile

soggetto affetto da sordità congenita o acquisita durante l'età evolutiva, che gli abbia impedito il normale ap-prendimento del linguaggio parlato. Non possono essere valutate infermità che diano o abbiano dato diritto ad un'invalidità di lavoro (INAIL), di guerra o di servizio o civile.

(Riferimento normativo: Legge. 26/05/1970 n. 381 e succ. modifiche e integrazioni)

Sordo-cecità

soggetti affetti sia da sordità che da cecità

Riferimento normativo L. n. 17 del 24/06/2010

Persona Handicappata

soggetto affetto da minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione. Possono presentare tale domanda anche soggetti titolari di altre forme d'invalidità (civile, di lavoro, di guerra, di ser-vizio, cecità civile o sordomutismo).

(Riferimento normativo: Legge 05/02/1992 n. 104)

Persona Disabile

cittadini i età lavorativa già riconosciuti invalidi civili in misura superiore al 45% oppure sordomuti o non veedenti (ciechi civili o invalidi con residuo visivo non superiore ad 1/10 in entrambi gli occhi.

 

Anche gli invalidi di servizio, di guerra o di lavoro possono aver diritto al collocamento mirato, ma in tale caso devono rivolgersi ai competenti organismi (INAIL o Commissione Medica di Verifica del Ministero dell'Economia e delle Finanze)


Nelle domande di aggravamento il certificato medico dovrà evidenziare le modificazioni del quadro clinico rispetto alla precedente visita della Commissione e la documentazione sanitaria allegata dovrà essere successiva al precedente riconoscimento.

Terminato l'accertamento, la Commissione trasmette l'intera pratica all'INPS che provvede o meno a validare il giudizio espresso dalla Commissione.

L’INPS invia il verbale di accertamento al domicilio dell'interessato e provvede alla valutazione degli eventuali benefici economici.

Ricorso

In caso di esito negativo, l'interessato potrà presentare ricorso per via giurisdizionale davanti al giudice ordinario (Tribunale - Sezione Lavoro).

 

Le Commissioni mediche dell'ASP

 

Commissioni mediche invalidità civile ed Handicap di Reggio Calabria Via Carlo Rosselli, 7
commissioneinvalidicivili@asprc.it    

Segreteria 0965/347852/347839

Orario al pubblico
lunedì e giovedì 9,00-11,00


Commissioni mediche Invalidità Civile ed Handicap PALMI SS 18 – K 484-

0966.418731/0966.418660/0966.418720


Commissioni mediche invalidità civile ed Handicap Siderno Piazza Oreste Sorace Siderno

0964/399634/5/6/7


 

Guida Agevolazioni persone con disabilità 2017